IL LUTTO

Valentino con la salma di Simoncelli
“Noi lo sappiamo che può succedere”

È arrivato a Coriano, in Romagna, il corpo del pilota morto a Sepang durante il Gran Premio di Malesia. Giovedì i funerali. Rossi subito dopo lo sbarco a Fiumicino: “Non mi ritiro. Non lo dimenticherò mai. Marco era un grande, stavamo sempre insieme”

di ROSARIO DI RAIMONDO

CORIANO – È da poco passato mezzogiorno e in una Coriano silenziosa e rinchiusa nel lutto è appena arrivato il carro funebre grigio che porta Marco Simoncelli per l’ultima volta a casa. Fiori bianchi sulla bara, i carabinieri sull’attenti. Scortato dalla polizia, il corteo imbocca la stradina stretta che conduce laggiù, nella villa nascosta tra gli alberi dove ad aspettarlo ci sono la madre Rossella, i parenti e gli amici più intimi di Sic. Subito dietro il carro, un furgone nero dai vetri oscurati. Seduto davanti il padre Paolo, occhiali scuri, guarda dritto davanti a sé. Sul sedile posteriore la fidanzata Kate, mentre altre quattro auto completano il corteo, anche queste con i vetri oscurati. In lontananza si scorgono abbracci, in questa fredda giornata che restituisce a Coriano il suo campione più grande, quel numero 58 che per molti non dovrà più essere stampato sulle tute dei piloti. Qualche fan aspettava il carro fin da stamattina, uno striscione bianco attaccato sul guard-rail testimonia vicinanza alla famiglia.

I FUNERALI: GIOVEDI’ ALLE 15 –
Arriva la conferma: i funerali di Marco Simoncelli saranno celebrati giovedì pomeriggio alle 15 nella Chiesa Santa Maria Assunta dal vescovo di Rimini Lambiasi. Alla funzione “potranno partecipare solo i parenti, gli amici del team Gresini, le Autorità e i personaggi del mondo sportivo che verranno a dare l’ultimo saluto a Sic”, dice il direttore della Biblioteca comunale Paolo Zaghini. Ad una

sola telecamera Rai sarà concesso di riprendere la funzione, mentre fuori sarà posizionato un maxischermo. Mercoledì invece sarà aperta al pubblico la camera ardente al Teatro Corte, dalle 9 alle 22. Saranno proprio gli amici di Marco a fare da servizio d’ordine: “Tutti si sono messi al servizio della famiglia  –  continua Zaghini -. Ci saranno centinaia di volontari della protezione civile”. Questa mattina il parroco e il Commissario Rizzo sono andati nella villa dei genitori di Sic per porre le loro condoglianze. Giovedì sarà proclamato il lutto cittadino, con le bandiere a mezz’asta. Altissima l’affluenza di persone attese in paese: fans, amici, conoscenti,saranno circa in 50 mila giovedì a Coriano. Ma Zaghini avverte: “Non possiamo contenere più di diecimila persone, non ce la facciamo. Già da questa notte sarà limitato l’accesso alle strade che portano a Coriano. Ci dispiace, ma se facessimo diversamente andremmo in tilt”. Nel frattempo continua il pellegrinaggio sulla scalinata della Chiesa Santa Maria Assunta, è piena di fiori, striscioni, lettere, bandiere. “Ciao Sic, orgoglio romagnolo”. Su un casco nero appoggiato sulle scale, c’è scritto “Buon viaggio”.

L’ARRIVO A FIUMICINO – L’aereo della Malaysia Airlines proveniente da Kuala Lumpur con a bordo il feretro era atterrato pochi minuti dopo le 6 a Fiumicino. A Coriano sarà allestita una camera ardente strettamente privata. Domani la salma del pilota potrebbe essere trasferita al Teatro Comunale per una camera ardente pubblica. Giovedì mattina i funerali. Simoncelli è morto domenica durante il Gran Premio della Malesia a Sepang, per un terribile incidente che ha coinvolto anche l’americano Colin Edwards e Valentino Rossi.

IL DOLORE – Il feretro di Simoncelli è arrivato alle 7 al deposito salme della cargo city dell’aeroporto di Fiumicino, dove si è radunata una folla di un centinaio di operatori aeroportuali che hanno voluto così rendere omaggio allo sfortunato campione di Coriano. Nella stanza del deposito salme, dove è stato deposto il pallet con dentro il feretro del pilota, è stata messo sul muro un tricolore, alcune foto del pilota, il numero 58 (suo numero di gara), e la scritta “Ciao Sic”. Poi, intorno alle 7,30, il carro funebre ha lasciato tra gli applausi l’aeroporto.

LE PAROLE – Appena sbarcati dall’aereo, il padre Paolo, in lacrime, e la fidanzata del pilota, Kate, sono stati accolti dal presidente del Coni Gianni Petrucci. Un centinaio di operatori aeroportuali ha tributato un lungo e sentito applauso al feretro, dopo che era stato fatto uscire dalla stiva del velivolo. Tra i passeggeri, anche Valentino Rossi: “Marco era un grande e non lo dimenticherò mai. Mi porterò dietro tanti ricordi. Stavamo insieme tutti i giorni, ci allenavamo insieme. Noi lo sappiamo che è una cosa che può succedere”. Cappello nero con visiera, felpa dello stesso colore e tuta da ginnastica grigia, il pilota della Ducati ha negato le voci secondo cui starebbe pensando di smettere di correre: “Non l’ho mai detto, probabilmente è stata una dichiarazione fatta soltanto per vendere i giornali. Ho parlato con Paolo (il papà di Simoncelli, ndr) sta abbastanza male lo abbiamo abbracciato tutti”. “Al papà ho detto poche parole – ha commentato Gianni Petrucci ai microfoni di Sky Sport 24 – Domenica quando abbiamo fermato un minuto le partite c’è stata una totale dimostrazione di quanto fosse amato questo ragazzo. Era sempre sereno e disponibile. La nostra presenza qui è per dimostrare l’amore e l’affetto nei suoi confronti. In questi momenti bisogna solo pregare, e che Dio lo abbia in gloria. Chi è nello sport spesso viene visto come un qualcosa di irraggiungibile e invece è fragile come tutti gli esseri umani”, ha concluso.

Credit : la Repubblica

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: